Il sito contiene i migliori consigli, trucchi e soluzioni ai problemi che potresti incontrare. Segreti, trucchi di vita, storie e tutto ciò che riguarda la vita e le relazioni.

Adenoidi, sintomi, cause di infiammazione, trattamento e rimozione di adenoidi. Sintomi e trattamento dell’adenoidite nei bambini: riconoscere e neutralizzare!

37
Contenuto

Funzioni della tonsilla faringea

La tonsilla nasofaringea, come il resto delle tonsille, fa parte del sistema immunitario umano. La loro funzione principale è protettiva. Sono le tonsille che sono le prime a intralciare batteri e virus che entrano nel corpo e li distruggono. Le adenoidi si trovano direttamente sulle vie respiratorie per rispondere rapidamente alla presenza di agenti patogeni. Durante la penetrazione dell’infezione, la tonsilla faringea inizia a produrre vigorosamente cellule immunitarie per combattere il nemico esterno, aumentando di dimensioni. Per i bambini, questa è la norma. Quando il processo infiammatorio “si risolve”, la tonsilla nasofaringea ritorna alla sua dimensione originale.

Se il bambino è spesso malato, le adenoidi sono costantemente in uno stato infiammato. L’amigdala non ha il tempo di restringersi, il che porta ad una proliferazione ancora maggiore di vegetazioni adenoidi. La situazione arriva al punto che bloccano completamente il rinofaringe, la respirazione completa attraverso il naso diventa impossibile.

Cause di adenoidi

La proliferazione della vegetazione adenoidea può portare a:

  • eredità;
  • raffreddori persistenti;
  • Malattie “infantili” che colpiscono la cavità nasale e la faringe: scarlattina, morbillo, rosolia;
  • immunità debole;
  • mancato rispetto degli standard di ventilazione, umidità interna, polvere;
  • manifestazioni allergiche;
  • ecologia sfavorevole (scarico, emissioni).

Il corpo del bambino costantemente attaccato dai virus, in combinazione con un’immunità non sviluppata, porta all’ipertrofia delle tonsille rinofaringee, a seguito della quale si verifica una complessa violazione del processo di respirazione nasale, il muco ristagna nel naso. I microrganismi patogeni che penetrano dall’esterno “si attaccano” a questo muco e le stesse vegetazioni adenoidi si trasformano in un focolaio di infezione. Da qui, batteri e virus possono diffondersi ad altri organi.

Cosa causa lo sviluppo delle adenoidi

Le adenoidi sono l’ipertrofia compensatoria della tonsilla faringea, il suo ingrossamento in risposta a infiammazioni acute croniche o frequenti.

L’amigdala è un grande accumulo di tessuto linfoide nel rinofaringe, racchiuso in una capsula epiteliale. Questa formazione protegge il tratto respiratorio superiore dalle infezioni, quindi prende il primo colpo. In condizioni di immunità insufficientemente sviluppata nei bambini, le tonsille non sempre affrontano la loro funzione, spesso si infiammano. La stimolazione costante (infiammazione infettiva o allergica) aumenta il volume del tessuto linfoide. Quindi il corpo del bambino compensa l’insufficienza funzionale dell’amigdala, quindi parlano di ipertrofia compensatoria.

È possibile utilizzare il complesso di ginnastica respiratoria Strelnikova già pronto, sviluppato per cantanti con problemi di voce, ma ha dimostrato la sua efficacia in caso di altre malattie respiratorie, anche nei bambini.

Normalmente, dopo una risposta immunitaria, l’amigdala ritorna alle dimensioni normali. Ma spesso in condizioni di attività eccessiva, il tessuto è impoverito e rimane ipertrofico.

Separatamente, vale la pena evidenziare l’infiammazione della tonsilla nasofaringea – adenoidite. Questa condizione si sviluppa più velocemente delle adenoidi, ma risponde bene ai farmaci antibatterici e antinfiammatori. La diagnosi differenziale viene eseguita dal medico, ma la differenza può essere vista anche in manifestazioni sistemiche: aumento della temperatura corporea, deterioramento delle condizioni generali del bambino con adenoidite.

Adenoidi, sintomi, cause di infiammazione, trattamento e rimozione di adenoidi. Sintomi e trattamento dell'adenoidite nei bambini: riconoscere e neutralizzare!Al fine di aumentare l’efficacia del trattamento domiciliare delle adenoidi, si consiglia di integrare con la fisioterapia

Classificazione delle adenoidi

Adenoidi di I grado: la fase iniziale, caratterizzata da una piccola dimensione della vegetazione. In questa fase, la parte superiore dell’apriporta (setto nasale posteriore) si sovrappone. Il bambino è a disagio solo di notte, quando la respirazione diventa difficile durante il sonno.

Nei bambini con adenoidi di II grado di vegetazione, più della metà dell’apriporta è chiusa. Sono di medie dimensioni. Caratteristiche distintive di questa fase: il bambino russa costantemente di notte e respira con la bocca aperta durante il giorno.

Allo stadio III, le escrescenze raggiungono la loro dimensione massima: occupano la maggior parte dello spazio tra la lingua e il palato. Diventa impossibile respirare attraverso il naso. I bambini con adenoidi di grado III infiammate respirano esclusivamente attraverso la bocca.

Adenoidi, sintomi, cause di infiammazione, trattamento e rimozione di adenoidi. Sintomi e trattamento dell'adenoidite nei bambini: riconoscere e neutralizzare!

Adenoidi: cosa sono e perché si sviluppano nei bambini

Le tonsille faringee troppo cresciute e ingrossate sono chiamate adenoidi. Se le adenoidi si infiammano, la condizione è chiamata adenoidite. La tonsilla faringea è una piccola ghiandola che si trova sul retro della laringe ed è composta da diversi lobi. Il compito di questo organo legato al sistema immunitario è quello di produrre linfociti, cellule che sono coinvolte nella difesa dell’organismo contro batteri e virus. Ma con la crescita patologica, la stessa tonsilla faringea diventa una minaccia per la salute.

Le adenoidi sono un tipico problema dell’infanzia. Sono rari nei bambini di età inferiore a 1-2 anni, come negli adolescenti. Il picco di incidenza è tra i 3 ei 10 anni di età.

Ci sono circa 27 casi di adenoidite ogni 1000 bambini.

Le adenoidi nei bambini sorgono per diversi motivi:

  • raffreddori frequenti e altre malattie infettive (morbillo, mononucleosi, rosolia, ecc.) Che colpiscono le mucose del rinofaringe;
  • scarsa ecologia nella zona di residenza;
  • predisposizione genetica;
  • una tendenza alle reazioni allergiche e all’asma bronchiale: queste malattie sono presenti nel 65% dei bambini che soffrono di adenoidite;
  • alcune condizioni climatiche e microclimatiche sfavorevoli – inquinamento da gas, aria secca, presenza di una grande quantità di polvere – tutto ciò porta al fatto che le mucose si seccano e diventano particolarmente vulnerabili.

Il grado di sviluppo della malattia

Esistono diverse fasi nello sviluppo delle adenoidi:

Grado 1: l’ amigdala cresce leggermente e si sovrappone a circa un quarto del lume delle vie nasali. Il sintomo principale della malattia in questa fase è la respirazione nasale piuttosto difficile, specialmente di notte.

Grado 2: le adenoidi aumentano di dimensioni e coprono i due terzi del lume. La respirazione nasale è notevolmente difficile anche durante il giorno, il bambino può russare di notte, la sua bocca è sempre aperta.

Grado 3: l’ amigdala blocca completamente il lume, rendendo assolutamente impossibile la respirazione nasale.

Sintomi di adenoidite nei bambini

Nelle prime fasi, può essere difficile notare le adenoidi nei bambini, i sintomi di questa malattia non sono specifici. I genitori o non prestano loro attenzione o pensano che il bambino abbia un raffreddore comune. Ecco i segnali a cui prestare attenzione per identificare la malattia all’inizio:

  • Difficoltà a respirare nasale, russare durante il sonno;
  • pallore e letargia a causa della mancanza di aria e disturbi del sonno dovuti al russare;
  • violazione dell’olfatto;
  • il bambino ha difficoltà a deglutire il cibo, spesso soffoca;
  • il bambino si lamenta della sensazione di un oggetto estraneo nel naso, ma quando si soffia il naso, non c’è liquido;
  • la voce è tranquilla, sorda, nel naso;
  • il bambino respira costantemente attraverso la bocca;
  • stanchezza e irritabilità costanti.

Se la tonsilla troppo cresciuta si infiamma, ci sono chiari segni di adenoidite:

  • calore;
  • naso che cola, che non risponde bene al trattamento con gocce ordinarie;
  • debolezza, mal di testa, sonnolenza, diminuzione dell’appetito e nausea: è così che si manifesta l’intossicazione generale, caratteristica di molte malattie infettive;
  • tosse cronica;
  • mal di gola, naso e orecchie, a volte significativa riduzione dell’udito.

In un bambino

I neonati non sono in grado di valutare la loro condizione e formulare reclami, pertanto è possibile ipotizzare la presenza di patologia da segni indiretti. Un bambino piccolo diventa lunatico, non dorme bene, cerca di respirare attraverso la bocca. Nelle fasi successive, i bambini hanno la tosse. Il bambino può soffocare mentre mangia o rifiutarsi di mangiare, poiché durante il processo deve trattenere il respiro. Quando le adenoidi si sviluppano nei bambini, ci sono ritardi nello sviluppo mentale e fisico a causa della carenza di ossigeno.

Bambini finiti

Nei bambini sopra l’infanzia, la comparsa di adenoidi è accompagnata da irritabilità e sbalzi d’umore. Il bambino può lamentarsi di insonnia e incubi. In età avanzata, puoi trovare un cambiamento nella struttura del viso.

Diagnostica

La diagnostica viene eseguita in uno studio ORL sotto la guida di un otorinolaringoiatra. Il medico conduce un esame generale del paziente e chiede ai genitori reclami e la comparsa di sintomi pronunciati.

Inoltre, i seguenti tipi di esame vengono utilizzati con l’aiuto di:

  • faringoscopia: esame dell’orofaringe;
  • rinoscopia: esame della cavità nasale;
  • raggi X;
  • l’endoscopia del rinofaringe è il metodo più informativo che fornisce un quadro completo (i risultati dello studio possono essere registrati su un supporto digitale).

Adenoidi, sintomi, cause di infiammazione, trattamento e rimozione di adenoidi. Sintomi e trattamento dell'adenoidite nei bambini: riconoscere e neutralizzare!

Come trattare le adenoidi in un bambino

Poiché la presenza di adenoidi e la loro infiammazione è molto facile da confondere con un comune naso che cola o raffreddore, non dovresti provare a diagnosticare te stesso e curare il tuo bambino con medicinali casalinghi o da banco: possono fornire un po ‘di sollievo per un molto poco tempo, ma poi i sintomi torneranno. Nel frattempo, la malattia continuerà a svilupparsi. Non resistere fino al momento in cui le adenoidi bloccano completamente il lume nasale – consulta un medico al primo sospetto di adenoidi.

Per fare una diagnosi accurata, il medico prescriverà un esame endoscopico, esami del sangue e delle urine, in alcuni casi è necessaria una radiografia del rinofaringe.

Il trattamento delle adenoidi nei bambini, specialmente nelle prime fasi, include metodi per lo più conservativi. Con 1 e 2 gradi di sviluppo della malattia, la rimozione delle adenoidi nei bambini non viene mostrata: in questa fase, la malattia può essere sconfitta con l’aiuto della terapia farmacologica e delle procedure fisioterapiche. L’intervento chirurgico è necessario solo se nessun altro metodo per trattare l’adenoidite ha l’effetto desiderato.

Algoritmo di terapia

Se stiamo parlando di ipertrofia delle adenoidi, viene applicato il seguente algoritmo:

  1. Scoprire se russare: niente russare – guardare il bambino.
  2. Il russare è presente, ma raro e / o tranquillo, mentre il bambino non soffre di apnea ostruttiva del sonno – trattamento conservativo sotto la supervisione di un otorinolaringoiatra.
  3. Il russamento è forte e / o frequente (più di tre giorni alla settimana) e / o si verifica un arresto respiratorio durante il sonno – è necessario un esame aggiuntivo – consultazione di un medico ORL, se necessario, polisonnografia. La polisonnografia calcola la frequenza degli episodi di respirazione ritardata o disturbata durante il sonno in 1 ora – l’indice di apnea / ipopnea (AHI), che consente di determinare la gravità dell’apnea ostruttiva del sonno:
  • luce (AHI 1-4.9) – viene utilizzata la terapia conservativa;
  • medio (AHI 5-9.9) – la decisione viene presa congiuntamente, è consentito un trattamento conservativo sotto la supervisione di uno specialista;
  • grave (AHI superiore a 10): si raccomanda un intervento chirurgico.

Oltre all’AHI, la scelta della tattica è influenzata anche da manifestazioni cliniche, come la presenza e la frequenza di otite media, sinusite, nonché dalla qualità della vita in generale. Per questo motivo, nel trattamento dell’ipertrofia adenoidea, è importante concentrarsi sulla sintomatologia nel suo insieme e non solo sulla gravità della malattia.

Trattamento conservativo

Con le adenoidi, di solito viene prescritto un ciclo di antistaminici, immunomodulatori, complessi vitaminici e farmaci che attivano le difese del corpo. Le gocce nasali con componenti antinfiammatorie e vasocostrittori aiuteranno ad alleviare l’infiammazione e facilitare la respirazione attraverso il naso (tuttavia, questi ultimi vengono utilizzati con cautela e non più di 3-5 giorni). Un buon risultato si ottiene risciacquando il naso con acqua leggermente salata o soluzioni medicinali speciali.

Dalle procedure fisioterapiche, viene spesso prescritta l’elettroforesi medicinale con ioduro di potassio, prednisolone o nitrato d’argento, così come la terapia UHF, la magnetoterapia ad alta frequenza, il trattamento ultravioletto e le applicazioni di fango.

Anche la ginnastica respiratoria è importante: con le adenoidi, il bambino si abitua a respirare attraverso la bocca e ha bisogno di sviluppare nuovamente l’abitudine di respirare attraverso il naso.

Di solito, la combinazione di questi metodi è sufficiente per curare l’adenoidite. Tuttavia, in alcuni casi, soprattutto se la malattia ha già raggiunto lo stadio 3 e non risponde al trattamento conservativo, viene prescritta la rimozione chirurgica delle adenoidi.

Adenoidite e suoi regimi di trattamento

Al momento di decidere come trattare le adenoidi nei bambini e quali farmaci saranno efficaci, considereremo la causa della patologia. Le adenoidi sono la prima barriera alla diffusione di un agente patogeno nel corpo di un bambino. Si trovano nel rinofaringe e sono creste ispessite di origine linfatica.

Quando un’infezione entra nel corpo, le adenoidi contrastano il provocatore, riempiendosi di linfa e aumentando di dimensioni. Questa è una situazione normale: dopo il recupero, le tonsille tornano al loro stato originale.

E così via fino alla prossima malattia. Il processo di ridimensionamento e poi di diminuzione indica il corretto funzionamento del sistema di protezione del bambino. Ma con una ridotta resistenza del corpo, frequenti infezioni respiratorie e virali, le adenoidi non hanno il tempo di ridursi alle loro dimensioni normali. Le tonsille gonfie provocano problemi respiratori, problemi di udito e benessere generale. È così che si sviluppa l’adenoidite.

Gli otorinolaringoiatri distinguono 4 fasi della malattia, prescrivendo un farmaco per il trattamento delle adenoidi nei bambini. Il protocollo di terapia in ogni fase è il suo, a seconda delle condizioni del paziente e dell’entità della proliferazione delle adenoidi.

Il trattamento farmacologico delle adenoidi nei bambini è più efficace con l’adenoidite di grado 1. In questo caso, la terapia è progettata per ridurre i segni di iperemia e disagio nel rinofaringe. I pediatri considerano lo stadio 1 innocuo, ritengono che non richieda una terapia intensiva, soprattutto se l’età del bambino è vicina agli 11-12 anni (quando inizia il processo naturale di estinzione delle adenoidi). Questo approccio non è applicabile ai bambini, poiché è irto dello sviluppo di complicanze e dell’eccessiva proliferazione dei tessuti delle tonsille.

Scegliendo un medicinale tra i medicinali per il trattamento delle adenoidi nei bambini di 2 ° grado, lo specialista ORL si affida ai risultati della diagnostica, che consentono di valutare il progresso della patologia. Il secondo grado di adenoidite è soggetto a terapia farmacologica, ma in casi eccezionali ai genitori viene offerta la rimozione.

La terza fase (e soprattutto la quarta) richiede un intervento chirurgico con rimozione completa o parziale delle tonsille. Le prescrizioni di farmaci vengono applicate prima e dopo l’intervento chirurgico durante le fasi di preparazione e recupero.

I farmaci per le adenoidi nei bambini sono prescritti in base al regime terapeutico obbligatorio:

  • eliminazione dell’infiammazione e rimozione dell’iperemia tissutale;
  • terapia antibiotica secondo necessità;
  • medicinali che ripristinano la respirazione nasale;
  • significa che aumenta la resistenza del corpo.

Oltre a questi, l’otorinolaringoiatra prescrive vitamine, medicinali naturali e omeopatici per il trattamento delle adenoidi come misure accessorie.

Si suppone la seguente tecnica:

  • terapia farmacologica;
  • medicina tradizionale come mezzo complementare;
  • fisioterapia per consolidare l’effetto.

Adenoidi, sintomi, cause di infiammazione, trattamento e rimozione di adenoidi. Sintomi e trattamento dell'adenoidite nei bambini: riconoscere e neutralizzare!

Medicinali per le adenoidi

Come accennato in precedenza, il trattamento farmacologico delle adenoidi è efficace in 1-2 fasi della malattia, in modo produttivo come protocollo preliminare e di fissaggio in 3-4 fasi (prima e dopo l’intervento chirurgico). L’otorinolaringoiatra esegue misure diagnostiche, in base ai cui risultati offre mezzi efficaci per il trattamento delle adenoidi in una situazione specifica.

La terapia farmacologica per l’adenoidite prevede un approccio integrato che utilizza i mezzi:

  • prescrizioni antisettiche;
  • terapia antibiotica antinfiammatoria;
  • spray nasali per vasocostrizione;
  • immunomodulatori;
  • mezzi ausiliari (integratori alimentari, medicinali omeopatici).

La scelta dei farmaci per il trattamento delle adenoidi nei bambini viene effettuata dal pediatra dopo l’esame primario e secondario del paziente. L’auto-prescrizione di farmaci è inaccettabile, soprattutto senza visitare un medico e sulla base dei reclami di un bambino: solo la diagnostica che utilizza un laringoscopio può stabilire con precisione lo stadio dell’adenoidite e sviluppare il protocollo di trattamento corretto.

Gruppo di farmaci antisettici

I medicinali in questo gruppo sono progettati per:

  • disinfettare la bocca e il rinofaringe,
  • neutralizzare gli agenti patogeni,
  • ridurre il rossore,
  • ridurre l’infiammazione.

Tra i farmaci per il trattamento dell’adenoidite nei bambini, i seguenti farmaci si sono dimostrati positivi:

Protargol. Disponibile sotto forma di gocce nasali. Gli ioni d’argento inclusi in esso hanno un forte effetto antisettico nella lotta contro un provocatore batterico. È una medicina delicata con una serie minima di effetti collaterali. Per ottenere dinamiche positive, Protargol viene instillato nei passaggi nasali dei bambini due volte al giorno, tre gocce. Il corso della terapia è di almeno 14 giorni.

Miramistin. Una preparazione unica ad ampio spettro disponibile sotto forma di uno spray con un ugello per una penetrazione profonda nell’orofaringe. Agendo sulla microflora patogena, blocca la riproduzione dei batteri, distruggendo la membrana cellulare, agendo contro ceppi non sensibili agli antibiotici. Promuove la rapida rigenerazione dei tessuti danneggiati e il sollievo dal dolore.

Collargol. Un medicinale che è una soluzione di ioni d’argento in albumina. Come Protargol, è efficace nel neutralizzare gli agenti patogeni sulla superficie mucosa delle tonsille, guarendo ferite e infiammazioni. Applicato sotto forma di gocce nasali alla dose di 1 goccia in ogni passaggio, 3-4 volte al giorno. Sospende il processo di vegetazione adenoide. Con l’adenoidite di 1 grado, solo lui è in grado di far fronte alla malattia con una terapia prolungata. Tuttavia, l’uso prolungato del farmaco provoca l’argiria, un oscuramento irreversibile della pelle e dell’epitelio dovuto all’accumulo di depositi d’argento.

Derinat. Il principio attivo è il sodio desossiribonucleato. È usato sia sotto forma di gocce nasali che come componente per inalazione. Riduce l’infiammazione, aumenta la resistenza al patogeno, riduce l’iperemia del tegumento, aumenta l’immunità. Il dosaggio è di 4-5 gocce in ogni passaggio nasale, la frequenza è di 5-6 manipolazioni al giorno. Per il trattamento e la prevenzione, utilizzare per almeno 2 settimane. Se inalato con un nebulizzatore, 3-5 gocce vengono iniettate in acqua pulita o soluzione salina.

Questi medicinali sono consigliati per uso domestico. Prima di eseguire le manipolazioni, è necessario pulire il naso dall’essudato. Di solito, per questo viene utilizzata una miscela di acqua debolmente salata o soluzioni di sale marino di fabbrica vendute nelle farmacie.

Antibiotici nel trattamento delle adenoidi

L’otorinolaringoiatra chiama l’obiettivo primario nel trattamento dell’adenoidite nei bambini per eliminare l’infiammazione delle tonsille, che si ottiene utilizzando antibiotici. I loro obiettivi principali:

  • controazione a un agente batterico;
  • migliorare la respirazione riducendo il gonfiore;
  • promuovere il ritorno dell’adenoide alla sua dimensione originale.

Oggi, i migliori rimedi per le adenoidi nei bambini sono:

  1. Augmentin, Amoxicillin e Flemoxin-Solutab. Antibiotici del gruppo delle penicilline. Assegna a bambini da 3 mesi (Augmentin, Amoxicillina). Sono prodotti sotto forma di polvere per la ricostituzione in uno sciroppo utilizzando acqua bollita, compresse con divisione longitudinale in 2 dosi e liquido per iniezione. Efficace contro gli organismi gram-positivi e gram-negativi, l’acido clavulanico incluso nella composizione impedisce lo sviluppo di resistenza e dipendenza dal farmaco nel patogeno. Flemoxin-Solutab è una nuova generazione di antibiotici penicillinici con lo stesso principio attivo (amoxicillina). La dinamica positiva dall’applicazione viene osservata per 2-3 giorni.
  2. Azitromicina e Macropen. Antibiotici del gruppo dei macrolidi. Prescritto quando viene rilevata un’incompatibilità allergica con le penicilline. Hanno una gamma ristretta di effetti collaterali nei bambini.
  3. Panzef e Zinnat. Le preparazioni del gruppo delle cefalosporine sono raccomandate in assenza di risultati nel trattamento con i mezzi di cui sopra. Gli otorinolaringoiatri considerano gli antibiotici cefalosporinici i più efficaci, ma hanno un elenco impressionante di reazioni avverse. Non prescritto per bambini di età inferiore a 6 mesi (Pantsef) e fino a 3 anni (Zinnat).

I pediatri praticanti sono riluttanti a prescrivere antibiotici per le vegetazioni adenoidi, facendo appello al fatto che i fondi siano efficaci, ma tossici, influenzando negativamente il corpo del bambino debole. Inoltre, la terapia antibiotica è ragionevole solo per un patogeno batterico e ogni quarto caso di adenoidite è causato da un provocatore virale. Pertanto, la nomina di un antibiotico sarà presente nel protocollo di trattamento in caso di lesioni batteriche gravi con aumento della temperatura fino a 39 gradi, sindrome del dolore, aggiunta di una malattia secondaria (otite media, laringite, sinusite). Se i sintomi non indicano la necessità di un antibiotico, vengono prescritti farmaci parsimoniosi che possono alleviare l’infiammazione (Sofradex, Isofra). Ma anche in questo caso, l’otorinolaringoiatra sceglie pillole per adenoidi per bambini,

Farmaci vasocostrittori

Sono necessari per ripristinare la respirazione nasale restringendo i vasi ed espandendo le vie aeree, parzialmente bloccate da vegetazioni adenoidi iperemiche. Per ottenere un risultato rapido, vengono utilizzati farmaci glucocorticosteroidi, che non solo riducono il gonfiore, ma alleviano anche l’infiammazione.

Nazonex. Disponibile sotto forma di spray e gocce nasali. Allevia rapidamente l’iperemia dei tegumenti epiteliali, soprattutto di origine allergica. Dosaggio – 2 volte al giorno, secondo la prescrizione dell’otorinolaringoiatra. Non prescritto per bambini di età inferiore a 2 anni. I segni di miglioramento si osservano immediatamente dopo le manipolazioni e persistono fino a 12 ore. Gli effetti collaterali includono sanguinamento dalle vie nasali, vertigini, aumento della pressione. Accettato solo come indicato da un medico.

Avamis. Il principio di azione è simile a Nazonex, così come l’elenco degli effetti collaterali. Inoltre, non viene utilizzato nel trattamento dell’adenoidite nei bambini di età inferiore a 2 anni a causa della componente ormonale inclusa nel farmaco.

Questi fondi sono resi popolari per il loro effetto rapido e l’azione prolungata, ma sono consigliabili nel caso di una forma acuta di adenoidite, quando è richiesto un risultato rapido e l’età del paziente consente l’uso di glucocorticosteroidi. Altrimenti, sono sufficienti i decongestionanti locali: Vibrocil, Sanorin, Nazolin e Rinosept.

Adenoidi, sintomi, cause di infiammazione, trattamento e rimozione di adenoidi. Sintomi e trattamento dell'adenoidite nei bambini: riconoscere e neutralizzare!

Immunomodulatori

I mezzi che aumentano la difesa immunitaria nell’adenoidite includono preparati vitaminici e farmaci contenenti minerali. Gli immunomodulatori aiutano ad accelerare il recupero stimolando la produzione di sostanze chimiche protettive naturali. I pediatri moderni raccomandano tali farmaci che stimolano la produzione di interferone naturale:

  • Ergoferon
  • Amixin;
  • Immunitario;
  • Anaferon;
  • stimolanti a base di erbe (contenenti estratti di ginseng, rodiola rosea, echinacea, cardo mariano, eleuterococco);

I farmaci elencati sono prescritti sia durante il trattamento dell’adenoidite che a scopo profilattico. Nonostante gli evidenti benefici, gli immunomodulatori non possono essere assunti senza il permesso di un pediatra, poiché, come la maggior parte dei medicinali, gli effetti collaterali sono caratteristici.

Adenoidi, sintomi, cause di infiammazione, trattamento e rimozione di adenoidi. Sintomi e trattamento dell'adenoidite nei bambini: riconoscere e neutralizzare!

Rimozione di adenoidi nei bambini (adenotomia)

Nelle cliniche moderne, la rimozione delle adenoidi nei bambini è un’operazione semplice e poco traumatica, ma tuttavia, se puoi farne a meno, il medico proverà ad andare in questo modo.

Le indicazioni per la rimozione delle adenoidi nei bambini sono: inefficacia del farmaco e della fisioterapia, grave difficoltà nella respirazione attraverso il naso, che porta a raffreddori incessanti, otite media frequente e problemi di udito. L’operazione ha anche controindicazioni: non viene eseguita per patologie della struttura del palato, alcune malattie del sangue, cancro o sospetto di oncologia, malattie infiammatorie acute (devono essere curate prima), entro 30 giorni dall’eventuale vaccinazione e per i bambini sotto 2 anni di età.

La rimozione delle adenoidi nei bambini viene eseguita in un ospedale in anestesia locale o generale. Esistono diversi modi per eseguire questa operazione.

Con il metodo di aspirazione, le adenoidi vengono rimosse con una pompa a vuoto con un ugello speciale, con il metodo endoscopico – attraverso un endoscopio rigido (questa operazione viene eseguita in anestesia generale). Per rimuovere le adenoidi, viene utilizzato anche un microdebrider, che a volte viene chiamato rasoio. Il periodo di riabilitazione dopo tali metodi dura circa 2 settimane.

Il metodo più moderno e poco traumatico è la rimozione laser delle adenoidi. Le tonsille vengono tagliate con un raggio laser diretto ei vasi sanguigni vengono cauterizzati, eliminando il rischio di sanguinamento e infezione. Anche il periodo di riabilitazione con rimozione laser delle adenoidi è notevolmente ridotto.

L’intera operazione non richiede più di 15 minuti ed è un intervento abbastanza semplice, dopo il quale le complicazioni sono molto rare. Tuttavia, questa è ancora un’operazione chirurgica con tutti i rischi connessi e deve essere eseguita in una clinica collaudata.

Perché le adenoidi sono pericolose?

La proliferazione della vegetazione adenoide può portare a problemi di udito, fino al punto di perdita dell’udito. L’apparecchio acustico umano ha diverse sezioni. Nella sezione centrale c’è una tromba uditiva, è anche la tromba di Eustachio, che è responsabile della regolazione della pressione esterna (atmosferica) con la pressione nel rinofaringe. La tonsilla faringea, aumentando di dimensioni, blocca la bocca della tromba di Eustachio; l’aria non può circolare liberamente tra la cavità nasale e l’orecchio. Di conseguenza, il timpano diventa meno mobile e ciò influisce negativamente sulla capacità di sentire. Nei casi più gravi, tali complicazioni non rispondono al trattamento.

Quando la normale circolazione dell’aria non è possibile, si sviluppa un’infezione nell’orecchio e si verifica un’infiammazione (otite media).

La respirazione costante attraverso la bocca, come accennato in precedenza, porta alla deformazione dello scheletro facciale, nonché a una diminuzione della saturazione del cervello con l’ossigeno: il bambino si stanca rapidamente e non può sopportare il carico scolastico e le sue prestazioni diminuiscono drasticamente.

La costante concentrazione di infezione nella tonsilla rinofaringea porta a un’intossicazione generale del corpo e alla diffusione di virus ad altri organi. Il bambino è esposto a frequenti bronchiti, laringiti e faringiti.

Le spiacevoli conseguenze possono includere anche problemi al tratto gastrointestinale, incontinenza urinaria notturna e tosse.

Come risciacquare correttamente il naso di un bambino

Alla maggior parte dei bambini non piace e persino temono questo metodo di trattamento. Pertanto, è importante affrontare il problema con delicatezza, per spiegare al bambino che questo è necessario per la sua salute, in modo che il naso respiri meglio. È positivo se il processo viene eseguito in modo giocoso o se uno dei genitori mostra con il proprio esempio che sciacquare il naso è assolutamente indolore. Una dimostrazione visiva della procedura da parte di papà o mamma dovrebbe convincere il bambino che non è affatto spaventoso farlo.

Molti genitori sono interessati alla domanda, a che età si può sciacquare il naso di un bambino? La risposta è semplice. Dal momento in cui puoi spiegargli la procedura per la procedura e sarai sicuro che il bambino sarà in grado di capirti correttamente. I medici consigliano di farlo non prima di 4 anni. Fino a questo momento, vengono utilizzate speciali gocce per neonati per pulire la cavità nasale, che ammorbidisce le secrezioni mucose dense, gli stoppini di cotone e gli aspiratori.

Per il lavaggio, è possibile utilizzare normale acqua bollita, decotti di erbe medicinali (camomilla, eucalipto, calendula, salvia, erba di San Giovanni), acqua di mare, soluzione isotonica o speciali formulazioni già pronte che vengono vendute in farmacia. È consentito alternare diversi mezzi: utilizzare l’uno o l’altro. Le soluzioni vengono selezionate in collaborazione con un otorinolaringoiatra, in base alle reazioni allergiche che il bambino ha nella storia. Il prodotto finito dovrebbe essere leggermente caldo (temperatura 34-36 °). Un volume di 100-200 ml sarà sufficiente per una procedura.

Non solo rimuove molto bene il muco accumulato, ma allevia anche il gonfiore e l’acqua di mare ha un effetto battericida. Può essere preparato da sale marino secco (1/2 cucchiaino. Diluito in un bicchiere d’acqua) o, in mancanza di esso, da cibo ordinario (1/3 cucchiaino. Sciogliere in un bicchiere d’acqua e aggiungere 2 gocce di iodio ).

Prima di iniziare la procedura, assicurarsi che il naso del bambino non sia ostruito. Gli otorinolaringoiatri consigliano di pre-pulire la cavità dalle secrezioni con un aspiratore o rimuovendo con cura il segno. Se dopo questo la pervietà dei passaggi nasali rimane difficile, è consentito gocciolare gocce di vasocostrittore sul bambino (una goccia in ciascuna narice). Successivamente, può iniziare il risciacquo.

Adenoidi, sintomi, cause di infiammazione, trattamento e rimozione di adenoidi. Sintomi e trattamento dell'adenoidite nei bambini: riconoscere e neutralizzare!

La procedura viene eseguita stando in piedi sopra il lavandino. La soluzione viene presa in una piccola siringa con un naso sottile o viene utilizzato uno speciale dispositivo farmaceutico (è anche chiamato “doccia nasale”). Il bambino ha bisogno di piegarsi in avanti di 90 °. La testa deve essere mantenuta rigorosamente verticale, è impossibile inclinarla a destra ea sinistra durante la procedura. Chiedi a tuo figlio di fare un respiro profondo e di spremere una piccola quantità di soluzione in una delle narici. Il liquido riempirà completamente il passaggio nasale e uscirà dall’altro.

Se l’acqua entra in bocca, puoi consigliare al bambino di pronunciare la pronuncia “e-e” durante l’iniezione. Allo stesso tempo, il palato molle si alza e delimita il rinofaringe. Dopodiché, devi soffiarti il ​​naso e ripetere la procedura dalla seconda narice. E così – diverse volte. Il lavaggio viene completato soffiando i passaggi nasali, che rimuoveranno i resti della soluzione dalla mucosa.

Se questo – il metodo del flusso di lavaggio (da una narice all’altra) – causa difficoltà, puoi provare un modo più semplice: iniettare una piccola quantità di liquido nel naso del bambino e chiedergli di soffiarsi immediatamente il naso. Assicurati che la testa sia di nuovo in posizione eretta e in nessun caso venga lanciata indietro. La soluzione non dovrebbe entrare in bocca, figuriamoci nelle orecchie. Anche una piccola quantità di liquido intrappolata nella cavità dell’orecchio medio provocherà una grave otite media, che sarà molto difficile da curare in seguito.

Dopo 15 minuti dal lavaggio, è il turno degli agenti anisettici o antibatterici prescritti dal medico. L’antisettico comprende preparati di argento colloidale, in particolare protargol.

A differenza delle gocce di vasocostrittore, che devono essere sepolte sul lato del bambino in modo che non entrino in bocca e agiscano solo sulla mucosa nasale, Protargol è sepolto sul retro. Questo viene fatto in modo che la sostanza vetro dalla cavità nasale nel rinofaringe e raggiunga la superficie delle tonsille. Gli ioni d’argento contenuti nel protargol uccidono tutti gli agenti patogeni e asciugano leggermente il tessuto linfoide infiammato, riducendolo di dimensioni. 2-6 gocce del farmaco vengono instillate in ciascuna narice (a seconda dell’età del paziente e della gravità della malattia).

Si consiglia quindi al bambino di sdraiarsi sulla schiena per un po ‘di tempo senza alzare la testa. Idealmente – 15 minuti, ma se il bambino è capriccioso, puoi limitarti a 5 minuti. L’instillazione viene eseguita su raccomandazione di un medico, di regola, 2 volte al giorno per 2 settimane. Un secondo ciclo di trattamento può essere prescritto in un mese. Non dimenticare che la durata di conservazione di una soluzione al 2% di Protargol è molto breve. Solo 30 giorni dalla data di produzione. Pertanto, non sarà più possibile utilizzare la vecchia bottiglia con il farmaco per il nuovo corso.

Non trascurare gli esercizi di respirazione, consigliati dagli esperti per il trattamento delle adenoidi. È meglio che la mamma la accompagni contemporaneamente con il bambino, trasformando il processo in un gioco divertente. La ginnastica rafforza i muscoli respiratori, stimola la circolazione sanguigna nei seni e aiuta a prevenire la sinusite. Inoltre, nel processo di esercizio, il corpo malato è saturo dell’ossigeno che gli manca.

In quali casi è possibile evitare l’operazione?

Ci sono solo 2 opzioni di trattamento:

  • chirurgico;
  • conservatore.

È possibile curare le adenoidi in un bambino senza intervento chirurgico solo se non ci sono complicazioni. Il paziente dovrebbe essere visto da un otorinolaringoiatra. Il medico determina l’entità dell’infiammazione. Malattia nella prima fase e nella seconda (senza complicazioni). La terapia tempestiva e correttamente selezionata porta risultati. Sono stati sviluppati vari metodi di trattamento, ma si raccomanda di seguire un approccio integrato per ottenere un effetto positivo.

Rimedi popolari

I rimedi popolari sono buoni, ma in aggiunta a ciò che il medico ha prescritto. Lontano per ogni infiammazione possono essere curate con i decotti, ma sono buoni per sciacquare la cavità nasale e alleviare la condizione.
Molto spesso vengono utilizzati succo di celidonia, Kalanchoe e aloe, decotti di foglie di mirtillo rosso, erba di San Giovanni, infuso di olivello spinoso.
Ad esempio, il succo di celidonia ha un effetto moxibustione, quindi questo trattamento non funzionerà per i più piccoli. Per i bambini più grandi, 4 gocce di succo vengono instillate in ciascuna narice tre volte al giorno.
Puoi sciacquare il rinofaringe con un decotto di foglie di mirtillo rosso. Versate due cucchiai di foglie tritate con un bicchiere di acqua bollente e lasciate fermentare per mezz’ora a bagnomaria. Quando il brodo si è raffreddato, può essere applicato.
Allo stesso modo si prepara un decotto di iperico. Devi prendere 10 grammi di erba e versarci sopra un bicchiere di acqua bollente. Il brodo va messo in infusione per mezz’ora a temperatura ambiente. Quindi filtralo e, quando si raffredda fino a raggiungere una temperatura confortevole, sciacqua il naso con un bulbo di gomma.

sale

Per preparare la soluzione, avrai bisogno di sale da cucina (1 cucchiaino) e acqua bollita (1 bicchiere), raffreddata a temperatura ambiente. Se il bambino non è allergico al miele, puoi aggiungere ½ cucchiaino. di questo prodotto. Mescola il liquido fino a quando i cristalli sono completamente sciolti. Filtrare il liquido attraverso un doppio strato di garza. Per migliorare l’effetto, viene aggiunto iodio (2 gocce) alla soluzione. Sciacquare il naso con soluzione salina a temperatura ambiente dovrebbe essere fatto ogni 2-3 ore.

Quando si utilizza lo iodio, il numero di procedure non deve superare 2 volte al giorno. Senza questo componente, puoi eseguire fino a 4 lavaggi al giorno. Il trattamento dura 10 giorni.

Metodi di lavaggio:

  1. Inspirate a turno il liquido in ciascuna narice. Sputalo non appena la soluzione drena lungo la parte posteriore del rinofaringe.
  2. Utilizzare per l’instillazione nasale. Inclina la testa indietro e metti un po ‘di liquido in ciascuna narice.
  3. Piegati sul lavandino, gira la testa da un lato, apri la bocca, gocciola la soluzione nella narice superiore con una siringa. Attendi che il liquido fuoriesca dal secondo passaggio nasale. Ripeti la procedura sull’altro lato.

Per il lavaggio, non viene utilizzata solo la soluzione salina, ma anche decotti di erbe medicinali.

Eucalipto

Le ricette a base di eucalipto aiutano a sbarazzarsi della malattia. Per preparare l’infuso, le foglie di piante secche (2 cucchiai. L.) Dovrebbero essere versate con acqua bollente (2 tazze). Si consiglia di infondere il liquido in un thermos per 2 ore. Prima di sciacquare la gola, l’infuso deve essere diluito con acqua calda. Il corso del trattamento è di circa sei mesi. Il prodotto finito può essere conservato per 2 giorni.

Sulla base di questa pianta, si sta preparando un mezzo per instillare nel naso. Sono necessari i seguenti ingredienti:

  • olio vegetale – 1 cucchiaino;
  • olio di melaleuca – 3 gocce;
  • olio di eucalipto – 3 gocce.

Per preparare il prodotto mescolare gli ingredienti. Dopo l’instillazione, il bambino dovrebbe sdraiarsi per 5 minuti con la testa gettata all’indietro. La frequenza di applicazione è 1-2 volte a settimana.

Celidonia

La pianta viene utilizzata in 2 modi:

  1. Spremi il succo e metti 2 gocce in ciascuna narice. Ripeti la procedura 2 volte al giorno. La durata del trattamento è di circa 2 mesi.
  2. Versare acqua bollente (500 ml) su una pianta secca (20 g). Filtrare la soluzione dopo 30 minuti. L’infuso viene utilizzato per lavare il rinofaringe 2 volte al giorno per 10 giorni.

Non è consigliabile utilizzare questo metodo se il bambino ha meno di 6 anni. Non utilizzare entrambi contemporaneamente.

Erbe aromatiche

Adenoidi, sintomi, cause di infiammazione, trattamento e rimozione di adenoidi. Sintomi e trattamento dell'adenoidite nei bambini: riconoscere e neutralizzare!

Puoi trattare le adenoidi nei bambini con l’aiuto di varie erbe medicinali. Tra questi, puoi distinguere la camomilla della farmacia. Combina una tisana (1 cucchiaino) e l’acqua (100 ml). Mettere a bagnomaria per 15 minuti, quindi coprire e lasciare raffreddare. Si consiglia di filtrare il brodo prima dell’uso per evitare che particelle di piante entrino nella cavità nasale.

La coda di cavallo (fresca o secca) aiuterà a curare le adenoidi nei bambini senza intervento chirurgico. La pianta può essere preparata da solo o acquistata in farmacia. Tipi di trattamento:

  1. Versare l’erba (2 cucchiaini) con acqua calda (300 ml) e portare a ebollizione. Tenere il brodo a bagnomaria per 7 minuti. Lasciate fermentare per 2 ore. Prendi 100 ml 3 volte al giorno. Il corso di ammissione è di 10 giorni. Tale terapia è controindicata nei bambini di età inferiore a 3 anni.
  2. Mescolare quantità uguali di echinacea e erba di equiseto. Raccolta (1 cucchiaino) versare acqua bollente (1 bicchiere) e lasciare agire per 1 ora. Dopo aver filtrato, prendi 50 ml 3 volte al giorno, aggiungendo miele (½ cucchiaino). La durata del corso è di 10 giorni.
  3. Unire l’equiseto (1 cucchiaino) con la camomilla (1 cucchiaino) e far bollire con acqua bollente (500 ml). Lasciate fermentare per 2 ore. Filtrare il brodo finito e sciacquare il naso una volta al giorno per 2 settimane. Durante il trattamento, si consiglia di assumere vitamina B1, poiché la pianta contribuisce al suo rapido consumo.

Il mirtillo rosso (la sua parte frondosa) aiuta a rimuovere l’infiammazione. Versare la pianta schiacciata (2 cucchiai. L) con acqua bollente (200 ml). Mettere il contenitore con il liquido a bagnomaria per mezz’ora. Risciacquare il rinofaringe con una soluzione filtrata fino a 3 volte al giorno fino a quando l’infiammazione non è completamente rimossa. Per risultati rapidi, si consiglia di portare il brodo all’interno. I bambini possono utilizzare questo rimedio dall’età di 5 anni. Dovrebbe essere preso 4 volte al giorno per 1 cucchiaio. l. 20 minuti prima dei pasti. La durata del corso è di circa 5 giorni.

Olio di olivello spinoso

L’olio di questa pianta è considerato un antibiotico naturale, ha proprietà curative delle ferite. Con l’instillazione nasale regolare, l’infiammazione diminuisce ei sintomi della malattia sono alleviati. L’olio viene utilizzato nella sua forma pura. Si consiglia di iniettare alcune gocce della sostanza in ciascuna narice 2 volte al giorno.

Con olio diluito con acqua (1 cucchiaio per 1 litro di liquido), puoi fare i gargarismi e sciacquarti il ​​naso. Nel periodo postoperatorio, si consiglia di mettere turundas con questa sostanza.

Miele

Il miele con succo di barbabietola, se instillato nel naso, riduce l’infiammazione. Al 1 °. l. il prodotto dell’apicoltura richiede 2 cucchiai. l. succo fresco, precedentemente bollito a bagnomaria (per distruggere possibili infezioni). Si consiglia di instillare l’agente 3 volte al giorno, 2 gocce in ciascuna narice. Una controindicazione da utilizzare è una reazione allergica al miele.

La camomilla ha proprietà antinfiammatorie. Se combinato con il miele, la sua efficacia è aumentata. Versare acqua bollente (500 ml) sull’erba secca (1 cucchiaio), lasciare fermentare per 20 minuti. Filtrare il tè finito, aggiungere il miele (1 cucchiaino). La bevanda può essere bevuta fino a 4 volte al giorno. Il tè può essere usato come gargarismo e come aiuto per l’instillazione.

Garofano

Versare acqua bollente (200 ml) sui chiodi di garofano (10 pezzi) e lasciare fermentare. L’infuso finito assume una sfumatura di cioccolato. Si consiglia di instillare 2 gocce di questo prodotto in ciascuna narice.

Aloe

Adenoidi, sintomi, cause di infiammazione, trattamento e rimozione di adenoidi. Sintomi e trattamento dell'adenoidite nei bambini: riconoscere e neutralizzare!

Il succo di questa pianta ha un effetto antibatterico, quindi affronta efficacemente l’infiammazione. Per ottenere i migliori risultati, la cavità nasale viene pre-lavata con soluzione salina o soda. Questa procedura consentirà al succo di essere assorbito più velocemente nei tessuti interessati. Nella fase iniziale della malattia, il succo deve essere diluito con acqua bollita (1: 3).

Tagliate una foglia della pianta e mettetela in frigorifero per diverse ore. Quindi fare diversi tagli e spremere il succo con una garza. In ogni passaggio nasale, instillare 3-5 gocce 3 volte al giorno. Per i bambini piccoli, il succo viene diluito con acqua salata o bollita in un rapporto 1: 1. Per ogni procedura viene preparata una porzione fresca. La durata del trattamento è di circa 4-5 giorni. Il succo provoca uno starnuto intenso, in modo che tutto il catarro fuoriesca dal naso e l’infiammazione sia ridotta.

Per il trattamento viene utilizzato il miele con aloe. Il succo spremuto dalle foglie carnose viene miscelato con il prodotto dell’apicoltura in un rapporto 1: 1. L’agente viene utilizzato per l’instillazione nasale. Questa composizione è utile anche per uso interno (1 cucchiaino. Mezz’ora prima dei pasti).

Oli

Thuja aiuta nel trattamento della malattia. Ha un effetto positivo su malattie infettive, infiammazioni e il comune raffreddore. L’olio di questa pianta ha un effetto vasocostrittore. Rafforza le proprietà protettive del corpo e favorisce la rigenerazione attiva delle mucose.

L’olio viene instillato prima di andare a letto in ciascuna narice (2 gocce). La durata delle procedure è di 3 settimane. Dopo una settimana di pausa, puoi ripetere il corso. L’olio omeopatico dovrebbe essere usato per il trattamento, non l’olio essenziale.

L’olio di abete è in grado di sopprimere la microflora adenoidopatologica quasi istantaneamente. La lubrificazione regolare delle tonsille dei bambini con questa sostanza ha un effetto positivo:

  • il gonfiore della mucosa diminuisce;
  • la congestione nasale diminuisce, la quantità di secrezioni mucose diminuisce;
  • le sensazioni di dolore diminuiscono;
  • i tessuti danneggiati vengono ripristinati;
  • lo scarico di pus si ferma.

La congestione scompare, i bambini iniziano a respirare liberamente attraverso il naso. L’olio può essere usato per strofinare i piedi di un bambino. Contengono punti neurosensoriali responsabili della salute della gola e del naso. L’olio viene utilizzato per l’inalazione con un nebulizzatore. In questo caso, ha un effetto tonico. Le sostanze utili penetrano nell’epitelio mucoso e vengono trasportate dal sistema circolatorio in tutto il corpo.

Il massimo effetto è dato da massaggi terapeutici e impacchi con il complesso utilizzo di oli omeopatici (ginepro, pesca ed eucalipto).

Budra

Versare acqua bollente sull’erba (2 cucchiaini) (½ l). Tenere a fuoco basso per 10 minuti. Fai l’inalazione di vapore: respira sopra il liquido per 5 minuti, coprendo la testa con un asciugamano. Si consiglia di eseguire questa procedura 4 volte al giorno.

Una miscela di una stringa con origano

Ingredienti:

  • sequenza – 1 cucchiaio. l .;
  • origano – 1 cucchiaio;
  • madre e matrigna – 1 cucchiaio. l .;
  • acqua bollente – 2 bicchieri.

Tecnologia di cottura:

  1. Mescolare le erbe.
  2. Prendi 1 cucchiaio. l. questa raccolta.
  3. Aggiungi acqua bollente. Insistere in un thermos per circa 9 ore.

Aggiungi 2 gocce di olio di abete (o tuia) al brodo filtrato. Usa la soluzione per sciacquare il rinofaringe.

Menta con erba di San Giovanni

Adenoidi, sintomi, cause di infiammazione, trattamento e rimozione di adenoidi. Sintomi e trattamento dell'adenoidite nei bambini: riconoscere e neutralizzare!

Per cucinare, hai bisogno dei seguenti ingredienti:

  • corteccia di quercia (in polvere) – 1 cucchiaio. l .;
  • foglie di menta – 1 cucchiaio. l .;
  • Erba di San Giovanni – 1 cucchiaio. l .;
  • acqua bollente – 2 bicchieri.

Mescola gli ingredienti secchi, prendi 2 cucchiai. l. raccolta ricevuta, versare acqua bollente. Metti il ​​liquido a fuoco medio per 4 minuti. Un’ora dopo, l’infuso può essere utilizzato per sciacquare il rinofaringe. La durata minima del trattamento è di 10 giorni.

Mummia

Per preparare il prodotto, avrai bisogno dei seguenti ingredienti:

  • mummia – 1 g;
  • acqua calda – 5 cucchiai. l.

Mescolare i componenti fino ad ottenere una soluzione omogenea. Il numero di gocce e la frequenza di utilizzo dipendono dalle caratteristiche individuali dell’organismo. Per ottenere il massimo effetto, si consiglia di prendere una soluzione della seguente concentrazione: 0,05 g per 1 bicchiere d’acqua. È importante non usare pastiglie, ma la resina naturale delle montagne.

Perché le adenoidi sono ingrandite? Affrontare la causa: evitare un intervento chirurgico per rimuovere le adenoidi

Le adenoidi, come le tonsille (tonsille), sono un organo periferico dell’immunità. E un aumento delle adenoidi è un segno che sono attivamente coinvolti nel lavoro e, possibilmente, infiammati. Maggiori informazioni sul trattamento delle tonsille – sezione del nostro sito Web sul trattamento della tonsillite cronica senza rimuovere le tonsille

Perché c’è un aumento delle adenoidi?Sono le adenoidi le prime a incontrare l’infezione che entra nel corpo con l’aria inalata, dove l’infezione viene catturata dalle cellule del sistema immunitario, seguita dalla formazione della memoria immunologica per i microbi in arrivo. In gran parte a causa del lavoro delle adenoidi, con contatti ripetuti con i microbi, il corpo affronta già l’infezione molto più facilmente. E se il sistema immunitario non è solo indebolito, ma ricorda male l’infezione (la formazione di “cellule T della memoria” è inibita), allora è abbastanza logico che il carico sulle adenoidi e sulle tonsille (tonsille) cresca in modo esponenziale. È chiaro che il bambino inizia spesso a soffrire della stessa infezione più volte e le adenoidi aumentano di dimensioni. La rimozione delle adenoidi ti aiuterà a respirare più liberamente, ma potrebbe interferire con la normale funzione immunitaria. C’è una soluzione, a nostro avviso, più accettabile in molti casi.

Soluzione al problema. Se il sistema immunitario inizia a rispondere più rapidamente a un’infezione in arrivo e forma correttamente la memoria immunologica, non sarà necessario un lavoro così attivo delle adenoidi. Le adenoidi inizieranno a diminuire gradualmente e la respirazione nasale si riprenderà. Pertanto, il nostro trattamento si baserà su due principi fondamentali:

  1. Aiutare il sistema immunitario nella formazione dell’immunità acquisita;
  2. Eliminazione del sovraccarico del rinofaringe da parte di batteri, funghi e virus, ad es. riduzione della carica microbica sulle adenoidi

Complicazioni

Le complicanze sono associate alla diffusione dell’infezione ad altri organi ENT e parti del sistema respiratorio. Nell’adenoidite cronica, la malattia è spesso complicata da otite media, sinusite (sinusite, sinusite frontale), bronchite, laringite, faringite, tonsillite, polmonite. Sono anche caratteristici i disturbi della parola, dell’udito e dei cambiamenti nel sistema dentoalveolare.

Sullo sfondo di adenoidite, asma bronchiale, eczema, rinite allergica, congiuntivite allergica spesso si sviluppano anche.

I danni all’udito a lungo termine e la respirazione nasale compromessa portano a un deterioramento dello sviluppo generale del bambino.

Prevenzione a casa

– Per la prevenzione dell’adenoidite nei bambini, è necessario garantire la razionale permanenza del bambino all’aria aperta, più spesso per portarlo in mare. La formazione del sistema immunitario è influenzata anche dalla modalità del sonno e del riposo, quindi è molto importante che l’ora del sonno notturno in un bambino avvenga entro e non oltre le 22:00. Non dobbiamo dimenticare l’aerazione dei locali e la pulizia a umido tempestiva, soprattutto durante il periodo autunno-inverno, – afferma l’ENT per bambini Reseda Sattarova.
Dovresti evitare il contatto con persone che soffrono di ARVI, così come non correre il tuo raffreddore e altri disturbi associati a orecchie, gola e naso.

Quando le adenoidi vengono rimosse nei bambini, a che età

Se il trattamento conservativo è inefficace, è indicato un intervento chirurgico – rimozione delle adenoidi infette – adenotomia.

I genitori spesso chiedono: “Quando vengono rimosse le adenoidi nei bambini, a che età?”

Se rimosso a 3-4 anni di età, c’è la possibilità che le adenoidi ricrescano. Pertanto, quando possibile, i medici cercano di risparmiare tempo. Ma se, tuttavia, l’adenoidite porta molti problemi di salute al bambino e ci sono chiare indicazioni, la questione dell’età non viene discussa.

L’autore dell’adenotomia W. Meyer, che propose un tale metodo nel 1868, fu eretto un monumento nella sua terra natale a Copenaghen, in segno di gratitudine da parte dei medici e dei genitori dei bambini operati.

In quali casi vengono rimosse le adenoidi:

 Adenoidi di grado III, a causa della quale c’è una persistente mancanza di respirazione attraverso il naso,

 Il trattamento conservativo è assolutamente inefficace e apporta miglioramenti anche temporanei,

 Disturbi del sonno, russamento e arresto respiratorio durante il sonno,

 Disturbi del linguaggio, voce nasale,

 Complicazioni dall’orecchio medio, seni paranasali, sistema broncopolmonare,

Deformità dello scheletro facciale (faccia adenoidea).

L’operazione per rimuovere le adenoidi non è difficile, il tempo è di 5-10 minuti. Poche ore dopo, a volte il giorno dopo, il bambino viene rimandato a casa. Non è richiesto un regime speciale, l’unica cosa che è richiesta è l’uso di cibo grattugiato e fresco nei primi tre giorni.

Cosa mostra la radiografia del rinofaringe nei bambini

I raggi X del naso e della gola nei bambini non forniscono molte informazioni. Con il suo aiuto, puoi identificare le seguenti caratteristiche:

  • ingrossamento delle tonsille faringee;
  • accumulo di pus.

Lo studio è utilizzato raramente, poiché è caratterizzato da un errore elevato. Con un aumento delle tonsille, si osserva spesso una complicazione purulenta. Quando viene scattata un’immagine a raggi X, viene visualizzato un aumento delle tonsille faringee a causa della presenza di contenuti purulenti.

Adenoidi, sintomi, cause di infiammazione, trattamento e rimozione di adenoidi. Sintomi e trattamento dell'adenoidite nei bambini: riconoscere e neutralizzare!

Foto: radiografia del rinofaringe – cisti nel seno mascellare sinistro

Non dovresti essere guidato dai risultati della radiografia. L’esame aggiungerà uno o due gradi alla patologia. Sulla base della diagnostica a raggi X, è difficile rispondere alla domanda su come curare le adenoidi senza intervento chirurgico, poiché l’esame non è sufficiente per studiare la struttura delle tonsille.

Quando è necessario determinare come trattare le adenoidi senza intervento chirurgico in un bambino, i medici eseguono un esame esterno, un esame sonda delle condizioni del tratto respiratorio superiore ed eseguono esami del sangue di laboratorio.

La diagnostica a raggi X delle adenoidi nei bambini con il 3 ° grado di ingrandimento delle tonsille faringee mostra solo un aumento generale dei tessuti del rinofaringe. Il contenuto informativo del sondaggio è basso, quindi praticamente non viene utilizzato.

L’efficacia del metodo di ricerca in patologia

La radiografia del rinofaringe con adenoidi viene spesso prescritta, ma tale procedura non è molto istruttiva ed è inferiore ad altri metodi diagnostici. Inoltre, una tale procedura è piuttosto dannosa, soprattutto per il corpo del bambino. Pertanto, vale la pena considerare prima di esporre il bambino a radiazioni nocive.

È importante che dopo aver eseguito la radiografia, non esporre il bambino a una nuova irradiazione per almeno 6 mesi in futuro. È consentito eseguire radiografie non più di 2 volte all’anno. Altrimenti, l’immunità del bambino potrebbe indebolirsi e la probabilità di sviluppare il cancro aumenterà.

Inoltre, l’efficacia della radiografia nelle adenoidi è piuttosto bassa. I raggi X delle adenoidi nei bambini possono non mostrare nulla o fornire poche informazioni. E tutto dipenderà dalle qualifiche del radiologo, poiché non tutti gli specialisti saranno in grado di determinare il grado corretto del processo patologico.

Molti sono interessati alla questione se le adenoidi siano visibili ai raggi X. Ovviamente sono un po ‘visibili. E se sono aumentati, il medico vede anche il grado del processo patologico. Ma questa procedura presenta una serie di svantaggi significativi:

  • Non fornisce informazioni su quali ragioni hanno provocato l’inizio del processo patologico. E questo è molto importante da stabilire, poiché l’efficacia del trattamento successivo dipenderà dall’identificazione della causa esatta. Pertanto, potrebbero essere necessarie ulteriori procedure diagnostiche.
  • La radiografia non mostra muco e pus sulla superficie delle tonsille. Pertanto, i risultati della procedura potrebbero essere imprecisi. Può sembrare che ci sia un ingrandimento di 2 o 3 gradi delle adenoidi, mentre la loro dimensione è normale, ma mostrano solo accumuli purulenti.
  • Per ottenere risultati più o meno accurati, una persona deve rimanere immobile durante lo studio. Ma è difficile impedire a un bambino piccolo di muoversi.

Adenoidi, sintomi, cause di infiammazione, trattamento e rimozione di adenoidi. Sintomi e trattamento dell'adenoidite nei bambini: riconoscere e neutralizzare!

Pertanto, per fare una diagnosi, si consiglia di utilizzare altri metodi diagnostici più informativi. Ma se si decide comunque di condurre una radiografia del rinofaringe di un bambino con adenoidi, è necessario studiare le caratteristiche dello studio diagnostico.

Preparare un bambino per l’esame

Come puoi immaginare, non dovresti andare direttamente alla diagnostica a raggi X da solo. Devi fare un primo esame da un otorinolaringoiatra che ti esaminerà, ti consiglierà e trarrà conclusioni preliminari sul problema. Forse lo specialista darà la preferenza a qualche altro metodo diagnostico, non è necessario discutere, poiché il medico ha informazioni molto più dettagliate sulle tue condizioni di salute e può trarre conclusioni sulla base di una serie di fattori. In nessun caso dovresti posticipare la diagnosi se ti è stata fornita una scheda di prova.

È molto importante preparare presto il tuo bambino moralmente. Assicurati di parlargli il giorno prima dell’esame ed è importante mantenere un tono amichevole e calmo. Il tuo compito è trasmettere al bambino l’essenza del prossimo esame. In nessun caso dovresti mostrare ansia o eccitazione con il tuo comportamento, poiché i bambini possono sentirlo e iniziare a preoccuparsi.

Tu stesso devi capire che è il risultato di una radiografia che può semplificare in modo significativo il piano di trattamento, poiché la diagnosi fornirà un’enorme quantità di informazioni utili per questo. Se è ancora necessaria un’operazione chirurgica, la sua sicurezza aumenterà notevolmente perché i medici conosceranno già soprattutto le adenoidi nel tuo caso. Sì, i raggi X sono dannosi per il corpo, ma questo metodo è ancora uno dei metodi principali grazie alla sua economicità e precisione.

Grado di ingrandimento radiografico del rinofaringe con adenoidi

Ci sono 4 gradi:

  1. A questo livello, le tonsille ingrossate occupano 1/3 del rinofaringe. In una situazione del genere, il bambino inizia a russare di notte. La rinite prolungata con patologia non viene praticamente trattata con farmaci.
  2. Nel secondo grado, le tonsille ingrossate occupano metà del rinofaringe. Il russare è osservato nel sonno del bambino. La conversazione del bambino diventa incomprensibile. I raggi X in questa fase possono rivelare le tonsille ingrossate.
  3. Le tonsille occupano l’intero lume del rinofaringe. La condizione rende difficile respirare attraverso il naso o parlare. Clinicamente, questa condizione è accompagnata da una diminuzione dell’udito e dell’olfatto. I medici al 3 ° stadio della malattia raccomandano un trattamento chirurgico.
  4. Nota che il 4 ° grado non esiste. Se il radiologo mette il 4 ° grado di patologia, non ha qualifiche sufficienti.

Adenoidi, sintomi, cause di infiammazione, trattamento e rimozione di adenoidi. Sintomi e trattamento dell'adenoidite nei bambini: riconoscere e neutralizzare!

Radiografia del rinofaringe nei bambini: è indicata la posizione delle adenoidi

Quali sono i vantaggi di una radiografia del seno?

I vantaggi di una radiografia del seno includono una minima esposizione alle radiazioni e la capacità di rilevare l’infiammazione. Un bambino con alterazioni infiammatorie nel rinofaringe può avere sinusite mascellare o frontale (sinusite, sinusite frontale).

La radiografia mostra bene i cambiamenti infiammatori nei seni paranasali. L’esame a raggi X è l’unico e insostituibile nella diagnosi della malattia.

Il pus nelle immagini viene visualizzato come punti luce. Scompaiono durante il trattamento della malattia e vengono monitorati tramite radiografie dinamiche. Nel rinofaringe, le borse sulle radiografie possono essere rintracciate sotto forma di oscuramento bianco. Quando vengono trovati, i medici prescrivono farmaci antibatterici. Con il 3 ° grado di ingrandimento delle tonsille faringee, è indicata un’operazione.

Indicazioni per i raggi X delle ossa nasali

Considerando le cause della comparsa delle adenoidi, va notato che la radiografia non è sempre consigliabile. Ci sono indicazioni per una radiografia del rinofaringe:

  • lesioni alle ossa del naso;
  • adenoidi;
  • curvatura del setto nasale;
  • sospetto di sinusite
  • anomalie congenite dei seni nasali.

La radiografia delle cavità accessorie è più informativa quando il contrasto viene introdotto nelle camere.

Con un basso contenuto di informazioni dei metodi di contrasto, è possibile utilizzare anche la tomografia. Alcuni radiologi ritengono che l’uso dell’esame radiografico delle ossa nasali sia razionale ovunque vi sia il sospetto di malattie infiammatorie o neoplastiche.

Adenoidi, sintomi, cause di infiammazione, trattamento e rimozione di adenoidi. Sintomi e trattamento dell'adenoidite nei bambini: riconoscere e neutralizzare!

Immagine radiografica: cisti a sinistra (dimensioni indicate)

Secondo le raccomandazioni del Ministero della Salute, i raggi X non dovrebbero essere eseguiti su un bambino senza indicazioni speciali. Quando si tratta di salute e vita, dovresti valutare i danni ei benefici della procedura e scegliere il minore dei mali.

Tutti i mezzi sono buoni per diagnosticare una malattia. Senza una radiografia, è impossibile identificare i processi infiammatori e prescrivere una terapia tempestiva.

La radiografia del rinofaringe è una procedura diagnostica importante e necessaria. Fidati dei medici che prescriveranno radiografie delle ossa nasali e dei seni paranasali quando sono veramente necessari.

Decodifica dei risultati ottenuti

Quando viene eseguita la decodifica delle immagini a raggi X ricevute, il medico analizza i seguenti indicatori:

  • Le pareti e i bordi delle ossa nasali. È necessario valutare quanto sono chiari i loro confini, se il loro spessore è normale.
  • Spazio aereo nei seni. È importante valutare la dimensione di questo spazio, la simmetria.
  • Cellule sull’osso etmoide. È necessario valutare quanto sono visualizzati bene, qual è la loro struttura e dimensione.

Un parere medico scritto viene rilasciato al paziente, che lo inoltra al medico curante.

Fonti utilizzate e link utili sull’argomento: https://dr-zaytsev.ru/articles/adenoidy-v-nosu-u-detey-simptomy-i-lechenie.html https://www.neboleem.net/stati- o -zdorove / 18610-kak-lechit-adenoidy-u-detej-v-domashnih-uslovijah-bez-operacii.php https://www.pravda.ru/navigator/adenoidy-u-detei.html https: // VipLor .ru / gorlo / adenoidy-u-detej https://yandex.ru/health/turbo/articles?id=4922 https://nasmork.net/lekarstva-ot-adenoidov/ https: //www.polyclin. ru / articoli / udalyat-ili-ne-udalyat-adenoidy / https://nosoved.ru/zabolevanija-nosa/drugie/kak-umenshit-adenoidy-bez-operacii.html https://www.kp.ru/putevoditel / sovety-dlya-roditelej / adenoidit-u-detej / https://diagnost-mk.ru/rentgen/adenoidy-na-rentgene.html https://nasmork.one/mamy-deti/adenoidy-u-detej-simptomy-i-lechenie/ https://zdorovyenadom.ru/adenoidit-u-detej-chto-eto-za-bolezn/ http: // x-raydoctor.ru/rentgen/lor/snimok-nosoglotki-rebenka.html https://s-voi.com/zabolevanie-legkih/rentgen-pri-adenoidah-opravdyvaet-li-sebya-ego-provedenie

Fonte di registrazione: lastici.ru

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More